La vita è più bella se girate a piedi nudi

 In Approfondimenti

Si chiama Barefooting o, più semplicemente, camminare a piedi nudi: è un vero e proprio allenamento che apporta benefici a tutto il corpo.

Questa attività migliorerebbe perfino la qualità del sonno, stimolando la produzione di endorfine, gli “ormoni della felicità”.

Sotto il piede è localizzato la soletta venosa di Lejars, una sorta di cuscinetto di vene plantari che, se stimolano come ne caso del movimento a piedi nudi,contribuisce a dare al sangue l’impulso per compiere la sua risalita verso gli arti superiori.

Il terreno migliore su cui esercitarsi sono la sabbia, l’erba, ciottoli. Attenzione, però a dove si pratica questa attività; Controllare bene il terreno  per assicurarvi che non vi sia nulla che possa ferirvi.

Prendere l’abitudine di lasciare i piedi liberi dalle calzature una volta rientrati dal lavoro. Camminate sul marmo, sul parquet o sui tappeti per qualche minuti al giorno.

Si possono fare anche semplici esercizi per dare tono alla muscolatura. Alternare movimenti sulle punte e sui talloni, poi provare ad afferrare con le dieta dei piedi oggetti di differenze consistenze e misure, come una matita o un asciugamano. Per massaggiare la zona plantare sedetevi su una sedia e muovete prima con una pianta poi con l’altra una pallina da tennis.

Dopo il bagno o una doccia, infine, ricordate di asciugare con cura i piedi, specie negli spazi interdigitali, utilizzando un asciugamano anche nella zona delle unghie, per evitare il rischio di onicomicosi o funghi, causati anche dall’umidità e spesso difficili da debellare.

Articoli raccomandati
Contattaci

Contattaci per informazioni o prenotazioni.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search